Go back


La spia

by Paulo Coelho



Pagina 18 — 11 januari 2017
Mata Hari non fu legata né bendata. Impettita, con un'aria di apparente tranquillità, si ritrovò a fissare i suoi giustizieri mentre il prete, le suore, il tenente e l'avvocato si allontanavano. [dalla Prefazione]


Pagina 22 — 11 januari 2017
Innocente? Forse non è la parola esatta.


Pagina 24 — 11 januari 2017
ripensare a un momento vissuto in una certa città, una scena che all'epoca mi è passata inosservata e che adesso è tutto ciò che mi resta di questo o quel paese dove ho soggiornato.


Pagina 24 — 11 januari 2017
I ricordi prevalgono sempre.


Pagina 24 — 11 januari 2017
Eppure non riesco a svincolarmi da questa realtà, anche quando provo pena per me stessa e piango in silenzio.


Pagina 26 — 11 januari 2017
Dentro ci sono dei semi di girasole. Ma sono assai più di questo: rappresentano qualcosa che devi apprendere. Daranno sempre dei girasoli, sebbene potrà accadere che, in qualche momento, tu non sappia distinguerli da altri fiori. Anche se lo volessero, non potrebbero mai trasformarsi in rose o tulipani. Se sceglieranno di negare la propria essenza, finiranno per avere una vita amara, che li condurrà solo alla morte.


Pagina 27 — 11 januari 2017
Persino gli alberi più alti nascono da semi piccoli come questi. Ricordati di ciò, ed evita di affrettare il tempo.


Pagina 34 — 11 januari 2017
Abitavo in un paradiso, ma affrontavo quotidianamente un inferno personale.


Pagina 34 — 11 januari 2017
Dovevo proteggere a qualsiasi costo il solo bene che possedevo: me stessa.


Pagina 36 — 11 januari 2017
il mio cuore aveva smesso di sanguinare, e io contemplavo la bellezza nella sua forma più pura.


Pagina 36 — 11 januari 2017
i miei esercizi di yoga mentale e di meditazione spontanea


Pagina 37 — 11 januari 2017
quella tradizione millenaria che vede le donne nemiche e complici nel contempo.


Pagina 38 — 11 januari 2017
Soltanto l'amore può dare un senso a ciò che ne è privo.


Pagina 38 — 11 januari 2017
Le osservai gli occhi, ma non scorsi neppure una lacrima. Probabilmente le aveva esaurite.


Pagina 39 — 11 januari 2017
Ero stata battezzata con il sangue della moglie di Andreas. Con quello strano rito battesimale, mi ero liberata per sempre, anche se nessuno poteva dire dove mi avrebbe portato la nuova libertà.


Pagina 47 — 11 januari 2017
Essere riuscita ad arrivare fin lì era già una conquista più grande di quanto avessi immaginato.


Pagina 48 — 11 januari 2017
Accettereste di prendere un'anisetta, Madame..." "Mademoiselle. Mademoiselle Mata Hari." Non avevo niente da perdere: poteva essere il mio primo amico in città.


Pagina 53 — 11 januari 2017
È la donna più femminile che si possa immaginare e, con il suo corpo, scrive una tragica storia finora sconosciuta.


Pagina 54 — 11 januari 2017
Tutti amano flirtare con il pericolo, purché esso non esista davvero.


Pagina 58 — 11 januari 2017
Da innamorata, non avrete più il controllo della vita, giacché il vostro cuore e la vostra mente apparterranno a un'altra persona. La vostra stessa esistenza sarà in pericolo.


Pagina 61 — 11 januari 2017
Quando ignoriamo dove la vita ci sta portando, non siamo mai perduti.


Pagina 65 — 11 januari 2017
Mi lasciai affascinare dalla bellezza delle rose e non prestai alcuna attenzione alle spine.


Pagina 68 — 11 januari 2017
Di nuovo, fui colta da un senso di frustrazione e abbattimento, e dall'idea che ben presto mi sarei ritrovata vecchia, brutta e povera. Avevo ormai passato i trent'anni – un'età cruciale.


Pagina 69 — 11 januari 2017
Passo la vita tormentata da incubi di cui sono l'artefice.


Pagina 71 — 12 januari 2017
Le lacrime avevano una voce propria e non spuntavano dai miei occhi, bensì dal punto più oscuro e profondo del cuore: mi raccontavano una storia che quasi non conoscevo.


Pagina 78 — 12 januari 2017
Avrei voluto accettare immediatamente, ma una donna di classe non agisce mai in modo impulsivo.


Pagina 80 — 12 januari 2017
Ero l'uccello esotico che attraversava una terra devastata a causa dell'immensa povertà di spirito. Ero il cigno circondato da una frotta di anatre che si rifiutavano di crescere per timore dell'ignoto.


Pagina 83 — 12 januari 2017
Nel 1914, anziché adoperarmi per tornare in Olanda, mi sarebbe stato facilissimo trovare qualcuno che si prendesse cura dei pochi rimasugli della mia anima, cambiare di nuovo nome, raggiungere uno degli innumerevoli luoghi del pianeta dove il mio volto non era conosciuto e ricominciare tutto daccapo. Ma questo significava vivere il resto della mia esistenza in uno stato di smarrimento, obbligata a far convivere la donna che poteva essere tutto e quella che non è mai stata nulla, senza neppure una storia da raccontare a figli e nipoti.


Pagina 85 — 12 januari 2017
Sarò generosa nella vittoria: non accuserò nessuno di coloro che hanno mentito nei miei confronti.


Pagina 87 — 12 januari 2017
Quando i francesi se la spassavano, noi eravamo alla ricerca di un pretesto; quando costruivano la Torre Eiffel, i nostri capi investivano in cannoni.


Pagina 87 — 12 januari 2017
Durante l'adolescenza, i miei genitori mi obbligarono a studiare pianoforte: è qualcosa che non ho mai smesso di detestare. Appena mi venne data l'occasione, me ne andai di casa e dimenticai tutto, tranne una cosa: che la più bella melodia del mondo si trasforma in una mostruosità stonata se lo strumento è scordato.


Pagina 88 — 12 januari 2017
Ho fatto tutto questo per amore, soltanto per amore: un amore mai corrisposto, ma che importanza ha? È importante solo stare vicino alla persona amata – e questo era il mio scopo.


Pagina 89 — 12 januari 2017
Come ricorderete, stimatissimo avvocato Clunet, l'ho affermato anche in quella farsa del processo: "Prostituta, sì. Spia, mai!"


Pagina 89 — 12 januari 2017
Ero sul punto di mentire, dicendogli che l'avrei aspettato sino alla fine della guerra, ma l'onestà disinnesca qualsiasi menzogna.


Pagina 89 — 12 januari 2017
In realtà, se eseguite con passione, le melodie non possono mai diventare delle mostruosità.


Pagina 91 — 12 januari 2017
Per quanto possa sembrare paradossale, l'assenza di bagaglio mi diede un'immensa sensazione di libertà. Presto avrei riavuto i miei vestiti, ma nel frattempo mi pareva di interpretare un altro dei personaggi che la vita mi aveva imposto di incarnare: la donna che non possiede assolutamente nulla, la principessa lontana dal suo castello, il cui unico conforto è la consapevolezza che vi farà ritorno in un futuro ormai prossimo.


Pagina 92 — 12 januari 2017
Era molto più bella di quanto appariva, infagottata in abiti dimessi.


Pagina 92 — 12 januari 2017
A qualche passo, un gruppetto di bambini giocava, come se la tragedia della guerra non avesse alcuna importanza e viaggiare fosse una perenne avventura. Per loro, i draghi erano sempre in agguato, i cavalieri combattevano nelle loro armature lucenti, impugnando spade e lunghe lance, in un mondo nel quale un bambino che non inseguisse l'altro sarebbe stato assai poco divertente.


Pagina 93 — 12 januari 2017
Per la prima volta nella vita, ero felice di essere nata a Leeuwarden e di avere un passaporto del regno d'Olanda. Quel documento, infatti, aveva rappresentato la mia salvezza.


Pagina 94 — 12 januari 2017
Vidi quando alzò il fucile e mirò verso la sagoma che correva. Sviai lo sguardo quando sparò. Voglio vivere il resto della mia vita con la sensazione che sia riuscito a scappare.


Pagina 97 — 12 januari 2017
Parigi sembrava un sogno sempre più lontano. Era però l'unico punto fermo della mia vita, il solo luogo in cui mi ero sentita un essere umano, con tutto ciò che questo comporta.


Pagina 98 — 12 januari 2017
Là avrei potuto vivere sia nella virtù sia nel peccato.


Pagina 102 — 12 januari 2017
Non riuscivo a capire se fosse una situazione divertente, pericolosa o stupida.


Pagina 103 — 12 januari 2017
Pensai che la vita era tornata a essere interessante


Pagina 104 — 12 januari 2017
Sarà anche un luogo noioso, ma quale paradiso non lo è?


Pagina 104 — 12 januari 2017
Ma che tipo di paradiso era quello dove non succedeva nulla – assolutamente nulla – di interessante?


Pagina 104 — 12 januari 2017
Comunque, non stavo cercando né avventure né felicità, ma soltanto ciò che i francesi definivano la vraie vie, la vita vera. Con i suoi momenti di bellezza indicibile e di profonda depressione, con la lealtà e i tradimenti, con le paure e i momenti di tranquillità.


Pagina 105 — 12 januari 2017
Mentre lanciavo sassi tra le onde insieme ad Astruc, sulle coste della Normandia, avevo capito di possedere uno spirito guerriero: non avevo timore di affrontare le battaglie, perché anch'esse appartenevano alla vita.


Pagina 113 — 12 januari 2017
Amabilissima Mata Hari, il vostro più grande errore è stato quello di avere incontrato l'uomo sbagliato per impegnarvi in una causa giusta.


Pagina 119 — 12 januari 2017
Voi eravate bella, famosa nel mondo intero, invidiata – anche se mai rispettata – in tutti i salotti che frequentavate.


Pagina 122 — 12 januari 2017
La prima vittima della guerra è sempre la dignità umana.


Pagina 132 — 12 januari 2017
allorché eravate convinta che l'innocenza fosse sufficiente a liberarvi dalle maglie di un sistema giudiziario del quale siamo sempre stati orgogliosi


Pagina 135 — 12 januari 2017
Basta! Non serve continuare a ripensare a una vicenda che – ne sono certo – mi perseguiterà per il resto della vita. Piangerò la vostra dipartita e cercherò di nascondere la mia vergogna per aver sbagliato in qualche punto che ignoro, o per aver pensato che la giustizia in tempo di guerra sia uguale alla giustizia in tempo di pace. Porterò questa croce sulle spalle, ma per tentare di guarire la mia ferita, devo impormi di non grattarla.


Pagina 136 — 12 januari 2017
l'amore è un atto di fede nell'altro


Pagina 137 — 12 januari 2017
Ecco perché dobbiamo seguire i suoi sentieri luminosi e magari tortuosi, accettare che ci conduca sulla vetta più alta o nel mare più profondo, sempre confidando nella mano che ci guida.


Pagina 138 — 12 januari 2017
Sebbene i pensieri si ripetano identici nelle vite degli uomini, esiste un'entità in grado di cambiare i destini: è l'Amore. Perché quando amiamo davvero, arriviamo a conoscere più profondamente gli altri e noi stessi.