Go back


Il professore

by Charlotte Brontë



Pagina 6 — November 8, 2015
sofferse in un pensionato di Bruxelles la più deludente esperienza della vita — un amore impossibile per il suo professore — che tanto doveva influire sulla sua esistenza di donna e di scrittrice


Pagina 8 — November 8, 2015
Vediamo sotto una doppia luce, sia un romanzo di un nobile amore a lieto fine, sia un sogno irrealizzato, una tenera visione di qualcosa che la vita ha negato.


Pagina 21 — November 8, 2015
Mi ricordavo che il volto mi era piaciuto da ragazzo, ma allora non lo capivo; ora sapevo quanto fosse raro quel tipo di faccia nel mondo, ed apprezzavo profondamente la sua pensierosa, gentile espressione.


Pagina 22 — November 8, 2015
Lì non puoi sognare, non puoi meditare né teorizzare, lì tu uscirai e lavorerai!


Pagina 23 — November 8, 2015
Lo incontrai con calma — non potevo incontrarlo con gioia


Pagina 63 — November 10, 2015
Belgio! Nome né romantico, né poetico, eppure nome che, in qualsiasi momento venga pronunziato, produce nel mio orecchio un suono, nel mio cuore un'eco, quale nessun'altra unione di sillabe, per quanto dolci o classiche, possono produrre.


Pagina 63 — November 10, 2015
Belgio! Io ripeto la parola, ora che sono solo ed è quasi mezzanotte. Essa agita il mondo del mio passato come un ordine di risurrezione; si schiudono le tombe, si levano i morti; vedo pensieri, sensazioni, ricordi che dormivano, innalzarsi dal suolo — quasi tutti circondati di un'aureola — ma, mentre io guardo le loro vaghe forme e mi sforzo di vedere il loro contorno preciso, il suono che li aveva svegliati si spegne ed essi affondano, l'uno dopo l'altro, come un leggero anello di fumo, assorbiti dal fango, richiamati alle urne, richiusi nei loro monumenti. Addio, fantasmi luminosi!


Pagina 64 — November 10, 2015
Questo è il Belgio, lettore. Guarda! Non dire che è un quadro scialbo o monotono; non sembrò né scialbo, né monotono a me, la prima volta che lo vidi. Quando lasciai Ostenda, una mite mattina di febbraio e mi trovai sulla via per Bruxelles, niente poteva sembrarmi insignificante.


Pagina 64 — November 10, 2015
Difficoltà e fatica dovevano essere il mio destino, ma sostenute dall'energia, smorzate da speranze tanto più vivide, quanto più vaghe. Non consideravo un simile destino affatto duro.


Pagina 65 — November 10, 2015
come si fece buio, comunque, la pioggia ricominciò, e fu attraverso lo scroscio d'acqua e l'oscurità di una serata senza stelle, che i miei occhi videro il primo barlume delle luci di Bruxelles. Vidi molto poco della città, oltre alle luci, quella sera. Quando fui sceso dalla diligenza, una carrozza mi portò all'albergo..., che mi era stato consigliato da un compagno di viaggio; dopo aver mangiato una cena da viaggiatore, mi coricai e dormii un sonno da viaggiatore.


Pagina 67 — November 10, 2015
Credo che le sensazioni provocate da quei primi suoni, da quelle prime visioni, si provino soltanto una volta; custodiscile gelosamente, Memoria; chiudile ermeticamente in un'urna e conservale in nicchie sicure!


Pagina 68 — November 11, 2015
tuttavia il francese, parlato da uomini francesi, o belgi (allora non ero sensibile all'orrore dell'accento belga) era una musica per le mie orecchie.


Pagina 68 — November 11, 2015
Il gentiluomo, dopo aver guardato verso di me un paio di volte, si rivolse educatamente a me, in ottimo inglese; ricordo che chiesi a Dio di poter parlare altrettanto bene il francese; la sua scioltezza nel parlare e la sua corretta pronunzia mi inculcarono per la prima volta la giusta nozione del carattere cosmopolita della capitale in cui mi trovavo; fu la mia prima esperienza di quella versatilità per le lingue straniere che, come notai in seguito, era tanto comune a Bruxelles.


Pagina 74 — November 11, 2015
un cane, se fissato insistentemente e abbastanza a lungo, mostrerà sintomi di imbarazzo e così fece, alla fine, il mio gruppo di belgi.


Pagina 78 — November 11, 2015
Potete spianare al massimo il sentiero del sapere, togliere ogni ciottolo dalla via; ma, infine, dovete insistere con decisione affinché l'alunno prenda il vostro braccio e si lasci pazientemente guidare lungo la strada preparata.


Pagina 79 — November 11, 2015
Ce ne sont que des Flamands, allez!


Pagina 79 — November 11, 2015
essi erano fiamminghi ed avevano entrambi la tipica fisionomia fiamminga, in cui l'inferiorità intellettuale è indicata da tratti che nessuno può confondere; tuttavia erano degli uomini e, principalmente, degli uomini onesti; e non vedevo perché il fatto che fossero aborigeni di quella terra piatta, depressa, dovesse servire come un pretesto per trattarli con costante severità e disprezzo.


Pagina 84 — November 11, 2015
Non vorrà amoreggiare con me!


Pagina 85 — November 11, 2015
Vi piace il Belgio, Monsieur? — domandò, con un marcatissimo accento brussellese. Ormai potevo distinguere bene la fine e pura pronuncia parigina di M. Pelet, per esempio, dall'articolazione gutturale dei fiamminghi.


Pagina 93 — November 11, 2015
Bruxelles mi sembrò un posto bellissimo, quando fui di nuovo sulla strada e sembrava che proprio allora, in quella mite, tranquilla serata di aprile, si stesse aprendo, per me, una carriera serena, ricca di avvenimenti, e molto gloriosa.


Pagina 98 — November 11, 2015
Non so come, nonostante la pelle scolorita ed i classici lineamenti troppo regolari, ella riuscisse ad essere sensuale. Penso che le sue labbra ed i suoi occhi macchinassero la faccenda tra di loro


Pagina 98 — November 11, 2015
Adesso ella era sensuale e, fra dieci anni, sarebbe diventata volgare: sul suo volto era scritta chiaramente la promessa della futura stravaganza.


Pagina 105 — November 11, 2015
A leggere del carattere femminile come esso è descritto in poesia ed in prosa, si penserebbe che esso è fatto tutto di sentimento, sia nel bene che nel male; ecco invece un esemplare, ed un esemplare quanto mai notevole e rispettabile, il cui elemento principale è la ragione astratta. Nemmeno Talleyrand era così poco passionale come Zoraïde Reuter!


Pagina 110 — November 11, 2015
lasciate che il rispetto diventi il fondamento, l'affetto il primo piano, l'amore la sopraelevazione; M.lle Reuter è un abile architetto. — E l'interesse, M. Pelet, l'interesse. Mademoiselle non considererà questo punto? — Sì, sì, senza dubbio; esso sarà il cemento tra una pietra e l'altra.


Pagina 117 — November 11, 2015
intorno a lei, era seduto un gruppo di ragazze fiamminghe, compresi due o tre esemplari di quella deformità fisica ed imbecillità mentale, la cui frequenza nei Paesi Bassi sembra provare che il clima è tale da causare una degenerazione della mente e del corpo umano.


Pagina 158 — November 11, 2015
vidi che, mentre io lo aprii e lo misi sulla scrivania davanti a lei, poggiandovi una mano sopra e impugnando una matita, ella era commossa ed eccitata; la sua depressione svanì, come una nuvola dietro la quale bruciasse il sole.


Pagina 168 — November 11, 2015
Ma imparerei qualcosa; del resto, credo che un tipo come me troverebbe delle difficoltà in qualsiasi luogo, ma, se devo lottare, o se proprio devo essere sconfitta, preferisco cedere all'orgoglio inglese che alla volgarità fiamminga


Pagina 170 — November 11, 2015
Nonostante il lavoro sedentario, Frances non diventava pallida, né debole; forse lo stimolo che esso comunicava alla sua mente controbilanciava l'inazione che imponeva al corpo.


Pagina 176 — November 11, 2015
ho l'impressione che anche voi, Monsieur, come me, a volte siate stanco di essere eternamente travolto dalla vita


Pagina 181 — November 12, 2015
I romanzieri non dovrebbero mai stancarsi di studiare la realtà della vita. Se osservassero coscienziosamente questa regola, essi farebbero un minore abuso, nei loro quadri, di vividi contrasti fra luce ed ombra; raramente eleverebbero i loro eroi ed eroine alle altezze dell'estasi e, ancora più raramente, li farebbero cadere negli abissi della disperazione; poiché, se è vero che in questa vita gustiamo di rado la pienezza del piacere, ancor più di rado assaporiamo l'amarezza dell'angoscia disperata; a meno che non ci siamo tuffati come bestie nel vizio, abusando delle nostre forze, tenendo i nostri nervi, con il risultato finale di aver distrutto ogni nostra capacità di godimento; allora davvero possiamo trovarci senza possibilità di aiuto, privi di ogni speranza.


Pagina 181 — November 12, 2015
Abbiamo rotto la sorgente delle nostre facoltà


Pagina 182 — November 12, 2015
il tempo ci porta sull'orlo della tomba e la dissoluzione ci spinge dentro


Pagina 192 — November 12, 2015
Io odio l'audacia, quell'audacia che è fatta di sfrontatezza e di insensibilità, ma amo il coraggio di un cuore forte, il fervore di un sangue generoso


Pagina 198 — November 12, 2015
quando, alla fine, si abbandonò al riposo, l'espressione intelligente del suo volto mi sembrò bellezza


Pagina 207 — November 12, 2015
un uomo ubriaco non può competere con uno sobrio


Pagina 208 — November 12, 2015
Affetto è una parola troppo calda e nel contempo troppo pura per questo caso; doveva avergli fatto capire che la cavità del suo arido cuore, vuotatasi dell'immagine di lui, era ora occupata da quella del suo professore.


Pagina 208 — November 12, 2015
la cavità del suo arido cuore


Pagina 210 — November 12, 2015
Essendo egli un perfetto francese, la caratteristica nazionale della ferocità non era stata omessa dalla natura nel comporre gli ingredienti del suo carattere


Pagina 210 — November 12, 2015
ma chi è libero dalla costrizione delle circostanze?


Pagina 213 — November 12, 2015
La visione forzata e prolungata di questo spettacolo mi aveva fatto molto soffrire; ora, non mi rammaricavo di quelle sofferenze, poiché il solo ricordo di esse agiva come il più salutare antidoto alla tentazione.


Pagina 217 — November 12, 2015
sento la necessità di parlare della mia felicità con qualcuno che sia abbastanza buono da godere nel vedere gli altri contenti


Pagina 219 — November 12, 2015
Ho trovato molto sensato il modesto arredamento di una semplice casa belga


Pagina 226 — November 12, 2015
ella potrebbe spezzarsi, ma mai curvarsi sotto la mano della Tirannia e dell'Ingiustizia, mentre la Ragione e l'Affetto possono guidarla con un solo cenno


Pagina 233 — November 12, 2015
immagino che siate una di quelle persone che si sviluppano meglio se non vengono osservate ed agiscono meglio se non vengono aiutate: fate a modo vostro.


Pagina 238 — November 12, 2015
Gli spiegai che il mio desiderio non era tanto di essere aiutato, quanto di esser messo in grado di aiutare me stesso


Pagina 238 — November 12, 2015
Nel momento in cui ci scambiammo un sorriso, pensai che la benevolenza del suo volto sincero fosse una qualità superiore all'intelligenza del mio.


Pagina 238 — November 12, 2015
Dimenticai la pignoleria, vinsi la riservatezza, eliminai l'orgoglio: domandai, perseverai, protestai, sollecitai con insistenza. È così che si forzano delle aperture nel ristretto circolo in cui la Fortuna distribuisce i suoi favori. La mia perseveranza mi rese noto, la mia importunità fece sì che la gente mi osservasse. Si cominciò a parlare di me; i genitori dei miei ex-alunni, attingendo dai rapporti dei figli, si fecero l'idea che io fossi un uomo dotato e ne passarono la parola; quel suono, vagando a casaccio, venne infine alle orecchie di qualcuno che non avrebbe mai raggiunto, se non fosse diventato così universale; e, proprio nel momento critico in cui avevo provato l'ultimo sforzo e non sapevo cosa fare, una mattina venne a trovarmi la Fortuna, mentre meditavo tristemente e disperatamente seduto sul letto; essa mi salutò con la familiarità di una vecchia conoscenza (eppure Dio sa se l'avevo mai incontrata prima) e mi buttò un premio in grembo.


Pagina 243 — November 12, 2015
con queste sorelle, la Luce e l'Oscurità, ella stava parlando, prima che io entrassi, in forma poetica


Pagina 243 — November 12, 2015
Devo coltivare la forza d'animo ed aggrapparmi alla poesia; l'una deve essere il mio sostegno e l'altra il mio conforto nel corso della vita. Gli affetti umani non sbocciano e le passioni umane non ardono per me


Pagina 249 — November 12, 2015
Ci sono impulsi che possiamo controllare, ma ce ne sono altri che controllano noi, perché ci raggiungono col salto di una tigre e si impadroniscono di noi prima ancora che li abbiamo visti. Forse, tuttavia, questi impulsi raramente sono decisamente cattivi; forse la Ragione, con un procedimento tanto breve quanto silenzioso, un procedimento che è finito prima che sia stato sentito, si è accertata sul buon senso dell'azione che l'Istinto stava meditando e si sente giustificata a restare passiva finché essa è attuata.


Pagina 251 — November 12, 2015
Monsieur... — disse infine la mia compagna, immobile nella sua felicità come un topo nel suo terrore.


Pagina 253 — November 12, 2015
Ho notato, Monsieur, che le persone che stanno in compagnia l'una dell'altra soltanto per divertirsi non si vogliono mai tanto bene e non si stimano mai tanto, quanto quelle che lavorano insieme e forse soffrono insieme.


Pagina 267 — November 17, 2015
In quel caso, sareste una pazza; pazza come una lepre marzolina, se indulgeste in questa passione per milioni di tonnellate di terra, legna, neve e ghiaccio. — Meno pazza di voi che non amate niente.


Pagina 275 — November 17, 2015
Io posso fare di più e lo farò.


Pagina 275 — November 17, 2015
era una strana mescolanza di arrendevolezza e di fermezza


Pagina 276 — November 17, 2015
Ella doveva avere dei doveri da compiere, e dei doveri importanti; un lavoro da fare, ed un lavoro emozionante, interessante e vantaggioso; delle forti facoltà si agitavano nella sua persona e richiedevano pieno nutrimento e libero esercizio


Pagina 278 — November 17, 2015
ella non parlava servendosi di formule abituali: formava le frasi mano mano e spesso quelle frasi erano molto vigorose e solenni; a volte, quando spiegava dei punti preferiti di storia o di geografia, ella diveniva genuinamente eloquente nel suo fervore


Pagina 283 — November 17, 2015
Mezz'ora dopo, quando ella fu tornata calma, le chiesi dove fosse finito tutto quell'eccitato vigore che poco prima l'aveva trasformata ed aveva reso il suo sguardo così penetrante ed ardente, la sua azione così rapida e forte. Ella abbassò gli occhi, sorridendo dolcemente: — Non saprei dire dove è finito, Monsieur, — disse — ma so che, quando sarà richiesto, esso ritornerà.


Pagina 287 — November 17, 2015
Allora egli dimenticava la politica e le discussioni e si fermava sul passato della sua casa, sulla storia della sua famiglia, su se stesso e sui suoi sentimenti: tutti questi argomenti erano particolarmente interessanti, perché erano tutti unici.


Pagina 289 — November 17, 2015
Ma, anche se taciturno, egli non è infelice; anche se è serio, non è triste; egli ha una suscettibilità per le sensazioni piacevoli quasi troppo acuta, tanto che arriva all'entusiasmo.


Pagina 292 — November 17, 2015
Frances non dà un nome a questo qualcosa del carattere di suo figlio; ma, quando esso appare nello stridore dei denti, nello scintillio degli occhi, nella feroce rivolta dei sentimenti contro la delusione, la sfortuna, l'improvviso dolore, o la supposta ingiustizia, ella se lo stringe al cuore, o lo porta a passeggiare solo con lei nel bosco; poi ragiona con lui come un filosofo, e Victor è sempre accessibile alla ragione; poi lo guarda con occhi d'amore, e dall'amore Victor è infallibilmente soggiogato