Go back


La Filosofia della Massoneria

by Sergio Moravia



Pagina 10 — 28 december 2016
Se un Fratello diven- tasse un ribelle contro lo Stato egli non deve essere favorito nella sua ribellione, ma piuttosto compianto come uomo infelice.


Pagina 16 — 28 december 2016
Mai definitivamente raggiungibile, e di fatto mai raggiunto, tale traguardo costituisce più una sorta di ideale regolativo che una cosa o un luogo da conquistare.


Pagina 16 — 28 december 2016
un logos (un senso) che il massone coglie nei segni e nei simboli inscritti, per chi li sappia vedere, nella realtà stessa.


Pagina 18 — 28 december 2016
il mondo è diviso dualisticamente in una parte buona e in una parte cattiva (di gran lunga la maggiore, anche se non necessariamente la più forte). Il Bene e il Buono si collegano al Logos e alla Luce - intesa, quest'ultima, nella sua duplice valenza fisica e simbolica. L'uno e l'altra devono impegnarsi quotidianamente in un'opera di rischiaramento della realtà, nel senso di una graduale eliminazione delle tenebre del Male, fino al raggiungimento (quasi sempre interpretato, come si è già accennato in precedenza, in modo essenzialmente ideale-re- golativo) dell'illuminazione totale dell'essere.


Pagina 19 — 28 december 2016
la forza pervasiva delle potenze malefiche richiede che la battaglia illuminatrice sia condotta da uomini culturalmente e spiritualmente "diversi", a conoscenza di dottrine e verità non scontatamente comprensibili da parte di chiunque, assolutamente fidati sotto il profilo etico-pratico, e in grado di riconoscersi e di collaborare tra loro, all'occorrenza anche fuori dalla portata di sguardi indiscreti, non preparati e spesso avversi.


Pagina 22 — 28 december 2016
l'istanza "contemplativo-cognitiva"


Pagina 22 — 29 december 2016
la Massoneria appare solitamente un sistema composto da un "sapere" e da un "fare". A seconda delle congiunture storiche e delle tendenze intellettuali è sembrata prevalere ora la prima componente, ora la seconda.


Pagina 23 — 29 december 2016
la tendenza ad accentuare un volto della Massoneria di tipo spirituale-mistico, o almeno metafisico.


Pagina 23 — 29 december 2016
Il luogo è il La filosofìa della Massoneria mondo, questo mondo; il soggetto è l'uomo.


Pagina 23 — 29 december 2016
In effetti, la destinazione dell'essere umano è la sua perfezione spirituale e materiale, individuale e collettiva: e la perfezione - assoluta, compiuta - non può essere di questo mondo.


Pagina 23 — 29 december 2016
l'uomo è un ente sempre impegnato in un'impresa di autotrascendimento


Pagina 23 — 29 december 2016
La filosofia della Massoneria come allora, in primis, una filosofia dell'"uomo". Di un uomo figlio della Terra non meno che del Cielo (ovvero, se si preferisce, del Grande Architetto), impegnato in un avvicinamento continuo e graduale alla Verità come perfezione ideale-regolativa, che può e deve essere accertata da atti e testimonianze compiute anche qui e ora - nel mondo, per quanto impuro, che è il nostro.


Pagina 24 — 29 december 2016
un'antropologia filosofica: una riflessione assai densa, complessa e sui generis sull'essere umano - più esattamente sull'essere umano agente secondo fini spiritualmente, eticamente e socio-politicamente rilevanti.


Pagina 28 — 29 december 2016
la Massoneria dà un grande peso alla vocazione sociale dell'essere umano.


Pagina 29 — 29 december 2016
il convincimento che l'uomo singolo e associato può oltrepassare in senso migliorativo le condizioni della propria esistenza individuale e sociale, spirituale e materiale.


Pagina 29 — 29 december 2016
la sua esistenza non chiede d'essere provata, giacché possiede un'evidenza empirica.


Pagina 32 — 30 december 2016
Da un certo punto di vista, la domanda cruciale dell'illuminista e del massone potrebbe essere formulata così: come combattere le Tenebre nel mondo?


Pagina 41 — 9 januari 2017
Per Fichte ogni uomo degno di questo nome è, in un certo senso, per natura massone


Pagina 43 — 9 januari 2017
Per buona sorte, oltre alla storia esistono gli storici