Go back


Orizzonte perduto

di Hilton James



Page 4 — December 21, 2014
Il film spinse molti a ritornare al libro (inseguendo una "sinergia" oggi banale, allora nuova).


Page 4 — December 21, 2014
ShangriLa è il monastero tibetano che ospita una antichissima e segreta città di saggi, raccolti da ogni parte del mondo, di sesso cultura religione e temperamento diversi, che meditano studiano vivono estremamente longevi e passabilmente felici senza inseguire un preordinato disegno di felicità - e soprattutto senza preoccuparsi di imporlo per le vie della religione o della condotta o dell'utopia.


Page 5 — December 21, 2014
Se dovessi dirvelo in breve potrei definire la nostra principale credenza così: moderazione. Inculchiamo la virtù di evitare eccessi di qualunque specie; persino, perdonatemi il paradosso, eccessi di virtù. Questo principio è la fonte di uno speciale grado di felicità.


Page 11 — December 21, 2014
In seguito mi sono accorto spesso che chi aveva incontrato Conway, sia pur fugacemente, lo ricordava poi a lungo con grande vivezza.


Page 14 — December 21, 2014
Avevo detto loro che ero uno scrittore e nella loro semplicità erano molto emozionati al pensiero che potessi metterli in un libro.


Page 16 — December 21, 2014
Peccato che tu non l'abbia conosciuto a Oxford. era brillantissimo: non v'è altra parola. Dopo la guerra dissero che era cambiato; pensai così anch'io, perché mi pareva che con tutti i suoi talenti avrebbe dovuto far più strada: ma forse, fra tanta maestosa burocrazia britannica un grand'uomo non può far carriera. E Conway era grande, o almeno era destinato ad esserlo.


Page 22 — February 24, 2015
Conway aveva trentasette anni. Era a Baskul da due anni in un impiego che ora, alla luce degli eventi, poteva esser paragonato a "un continuo puntare sul cavallo perdente".


Page 22 — February 24, 2015
Preferiva quelle occupazioni che fossero meno formali e più pittoresche, e che soprattutto non lo vincolassero; ma siccome questi incarichi erano quasi sempre i meno importanti, così agli occhi di qualche critico superficiale poteva apparire maldestro nel giocare le sue carte. E invece egli sentiva che, dati i suoi gusti, le aveva giocate piuttosto bene, e aveva trascorso un decennio vario e abbastanza piacevole.


Page 24 — February 24, 2015
Di quel periodo della sua vita questo era l'indice barometrico: "mutevole, tendente al bello, piuttosto temporalesco".


Page 28 — February 24, 2015
Era una donnetta coriacea, e aveva il contegno di chi sia intervenuto suo malgrado a una riunione dove accadono cose che non possono essere del tutto approvate.


Page 38 — February 24, 2015
L'aria rarefatta produce sulle persone effetti diversi: per esempio, a Conway dava contemporaneamente una sensazione di lucidità mentale e di apatia fisica, nient'affatto sgradevole.


Page 44 — March 8, 2015
Ma i suoi occhi furono attratti irresistibilmente dallo sfondo della valle, perché lì, sorgendo dal vuoto, magnifica nel pieno lume di luna, appariva la più meravigliosa montagna del mondo. Semplice di linea, come se l'avesse disegnata un bimbo, era per forma un cono di neve quasi perfetto, non però classificabile quanto a dimensioni, altezza e distanza. Appariva così radiosa, così serenamente imperante, da non sembrar vera.


Page 45 — March 8, 2015
Di fronte a questa prospettiva così poco incoraggiante Conway non poté trattenersi dal rivolgere a Miss Brinklow uno sguardo d'ammirazione. Rifletté che, probabilmente, non era una persona normale: infatti non si poteva considerare tale una donna che insegnava a cantare inni sacri agli afgani. Ma le era molto grato per il fatto che ad ogni nuova calamità ella riuscisse comunque a mantenersi normalmente anormale.


Page 46 — March 8, 2015
La notte proseguì come se ogni minuto fosse qualcosa di materiale e pesante da spinger via a forza per far posto ai successivi.


Page 46 — March 8, 2015
Conway, osservandola, ne riceveva un'impressione di bellezza, non però di fascino romantico, ma di pura intellettualità, netta come l'acciaio.


Page 47 — March 8, 2015
"Ne so quanto lei, caro Mallinson. ma se non andiamo là, dove mai andremo?"


Page 56 — March 8, 2015
Se conoscesse la vita come la conosco io, saprebbe che vi sono dei momenti in cui la cosa migliore è non far nulla. Ci accadono cose strane? Accettiamole.


Page 63 — March 12, 2015
Penso spesso che i romani erano fortunati: la loro civiltà arrivò fino ai bagni caldi senza dover fare la conoscenza delle macchine.


Page 71 — March 12, 2015
"Dice bene il vostro poeta nazionale; il sonno rimette in ordine il confuso groviglio delle preoccupazioni".


Page 79 — March 15, 2015
Fu soltanto con uno sforzo che seppe strapparsi dall'obliosa estasi dell'artista per riacquistare la coscienza del conoscitore.


Page 79 — March 15, 2015
Un mondo di incomparabile raffinatezza indugiava tremulo su porcellane e vernici, commovendo un istante prima di sciogliersi in puro pensiero.


Page 81 — March 15, 2015
"Che cosa fanno i Lama?" continuò. "Si dedicano alla contemplazione, signora, e alla ricerca della saggezza". "Ma questo non significa fare qualcosa". "E allora non fanno niente, signora".


Page 84 — March 15, 2015
ShangriLa, avvolto dal mistero che è alla radice di ogni bellezza, era affascinante.


Page 90 — March 15, 2015
"Il gioiello è sfaccettato" disse il cinese; "possono coesistere molte religioni, ed essere tutte moderatamente vere".


Page 105 — March 15, 2015
Niente affatto timido, aveva il prezioso dono di poter dire cose gentili anche in lingue che conosceva poco. Ma forse questa volta il suo compito sarebbe stato semplicemente quello di ascoltare.


Page 115 — March 15, 2015
l'altro fece partecipe il nuovo venuto della scienza, delle sue estasi, del sogno pazzo che era diventato ormai l'unica realtà della sua vita". "Scusi se la interrompo, ma non capisco bene quest'ultima frase". "Lo so". La risposta, sospirata appena, esprimeva una profonda simpatia. "Sarebbe straordinario che potesse capire.


Page 117 — March 15, 2015
La sua era quella mano ferma eppure buona di cui ogni istituzione ha bisogno a un certo punto della sua ascesa; e la sua perdita sarebbe stata irreparabile se prima di morire non avesse compiuto una quantità di lavoro molto superiore a quella di una normale esistenza umana.


Page 121 — March 17, 2015
Devo dirle, mio caro Conway, che noi non siamo affatto ciarlatani, e perciò non possiamo né vogliamo garantire il successo del nostro sistema.


Page 125 — March 17, 2015
Esser pigri nel fare certe cose può anche essere una virtù.


Page 125 — March 17, 2015
Credo che Chang le abbia spiegato il nostro principio della moderazione, e una delle cose in cui siamo sempre moderati è appunto l'attività. Io stesso, per esempio, sono stato capace di imparare dieci lingue: avrei potuto impararne venti lavorando smodatamente. Ma non l'ho fatto.


Page 127 — March 17, 2015
Aspettarci misericordia è inutile; ma possiamo sperare che per trascuratezza il fato ci lasci in disparte. Staremo qui con i nostri libri, con la nostra musica, con le nostre meditazioni, a custodire le fragili eleganze di un'età moribonda, cercando quella saggezza di cui gli uomini avranno tanto bisogno quando le loro passioni si saranno consumate. Abbiamo un patrimonio da amare e da tramandare. Fino al giorno in cui dovremo lasciarlo agli eredi, accettiamo dunque i piaceri che ci sono concessi.


Page 131 — March 17, 2015
quando si ha il culto di un eroe bisogna essere preparati alle delusioni.


Page 131 — March 17, 2015
C'era nell'aria di ShangriLa un che, dovuto forse all'altezza, che impediva lo sforzo di un'emozione simulata.


Page 132 — March 17, 2015
Verrà un tempo, pensò, in cui l'evidente mistero di tutte le cose renderà ancora più difficile la spiegazione di qualche mistero singolo; e allora si accerterà tutto senza più stupirsi.


Page 133 — March 17, 2015
di nuovo ripensava alla guerra, perché durante i bombardamenti aveva avuto la stessa sensazione confortante di possedere diverse vite, di cui una sola poteva esser reclamata dalla morte.


Page 139 — March 17, 2015
Si sentiva legato a quell'uomo per il tramite dell'intelligenza.


Page 142 — March 19, 2015
Certe volte gli pareva di essere del tutto ammaliato dal potere di quell'intelletto accentratore; poi, mentre bevevano il tè nelle trasparenti tazzine azzurre, tutto ciò che v'era stato di cerebrale fra loro si mutava in una vivacità gentile di miniatura, come se un teorema si sciogliesse limpidamente in un sonetto.


Page 143 — March 19, 2015
Non creda che la mia sia una posa tragica; in generale ho avuto poi abbastanza fortuna. Ma ci pareva di essere in una scuola con un direttore cattivo; ad averne voglia ci si poteva anche divertire, ma che logorio di nervi, e che poco costrutto!


Page 143 — March 19, 2015
Forse l'esaurirsi delle passioni è il principio della saggezza, se mi permette di modificare il proverbio.


Page 146 — March 19, 2015
Non solo lo spero, ma ne ho tutta l'intenzione.


Page 149 — March 20, 2015
E ne parlo con cognizione di causa perché io stesso mi innamorai di lei quando ero molto più giovane". "Davvero? E le corrispose, allora?". "Mostrando di apprezzare gentilmente l'onore che io facevo, e concedendomi un'amicizia divenuta con gli anni preziosa". "In altre parole, non le corrispose". "Se lo preferisce, no".


Page 151 — March 20, 2015
Gli piaceva quello speciale sistema per cui i sentimenti erano avvolti e contenuti dal pensiero, e i pensieri si trasformavano in felicità dopo essere passati attraverso il linguaggio.


Page 165 — March 29, 2015
E' vero che è sempre calmo, mentre io sono sempre eccitato, ma io sono sano di mente, e lei non lo è!


Page 170 — March 29, 2015
Sentì che il sogno, come tutte le cose troppo belle, era svanito al primo tocco della realtà; sentì che l'avvenire del mondo intero messo su una bilancia contro la gioventù e l'amore avrebbe pesato meno dell'aria.


Page 173 — March 29, 2015
Hai ragione; se avessi raccontato la verità, sarebbe stata una storia più interessante.


Page 174 — March 29, 2015
In generale, nella vita, a creder tutto troppo facilmente, si sbaglia; ma quando si crede troppo poco, ci si annoia.