Go back


by Thomas Bernhard



Pagina 2 — 8 december 2017
A poco a poco attraverso la narrazione del loro incontro affiora un mondo di solitudini in cui l'atto esistenziale di maggior senso è quello della confessione.


Pagina 11 — 8 december 2017
avevo previsto la catastrofe con molto anticipo, ma non avevo potuto impedirla


Pagina 11 — 8 december 2017
Da un lato la necessità di isolarsi per dedicarsi al proprio lavoro scientifico è la prima di tutte le necessità di un uomo di scienza, dall'altro è grandissimo anche il pericolo che questo isolarsi avvenga in modo troppo radicale, che finisca per avere un effetto non più di stimolo, come era nelle intenzioni, ma di freno, anzi di annientamento di questo lavoro intellettuale, e da un certo momento in poi il mio isolarmi dal mondo per amore della mia ricerca nel campo delle scienze naturali (sugli anticorpi) aveva avuto un effetto annientante proprio su questo mio lavoro scientifico.


Pagina 11 — 8 december 2017
quello che rimane, se qualcosa rimane, è solo la disperazione


Pagina 15 — 8 december 2017
Nella mia vita ho oltrepassato molto spesso il confine della follia e anche della demenza, ma in quel pomeriggio credevo di non poter più tornare indietro.


Pagina 17 — 8 december 2017
So anch'io com'è difficile arrivare in una zona sconosciuta e volersi costruire una casa, chi in questi casi non vuole che i suoi propositi falliscano già in partenza deve veramente superare difficoltà sovrumane, improvvisamente tutto gli diventa di ostacolo e vorrebbe rinunciare cento volte al giorno.


Pagina 22 — 8 december 2017
so che in uno stato di eccitazione non si può fare nessun tipo di analisi e ovviamente tanto meno un'autoanalisi.


Pagina 32 — 8 december 2017
era riuscita male solo se considerata superficialmente


Pagina 33 — 8 december 2017
Questi stati morbosi, questi accessi, naturalmente peggioravano, li avevo già da decenni, dapprima appena percepibili e ancora in maniera attenuata, tanto che non era neppure il caso di parlarne, poi però, con l'inizio dei miei studi veri e propri di scienze naturali e con la serietà effettiva del mio lavoro scientifico-filosofico, si erano di volta in volta intensificati, infine si erano fatti riconoscere come sintomi che si manifestavano isolatamente, poi come malattia e come malattia veramente grave.


Pagina 35 — 8 december 2017
Io ero sempre stato dipendente da tutto, e poiché tutto improvvisamente e poi via via sempre più seriamente e terribilmente peggiorava, dovette sopraggiungere la peggiore di tutte le crisi della mia malattia.


Pagina 36 — 8 december 2017
quando c'è un pensiero del genere deve essere pensato, essere pensato possibilmente fino in fondo


Pagina 36 — 8 december 2017
la mia esistenza è morbosa, malata e il mio lavoro senza scopo, fallito.


Pagina 38 — 8 december 2017
mi sono indebolito nel modo più irresponsabile


Pagina 38 — 8 december 2017
Ma tutti questi pensieri non portano a niente, più indago e più tutto diventa confuso.


Pagina 38 — 8 december 2017
Ci rompiamo la testa su cosa avremmo potuto fare diversamente o meglio e su cosa possibilmente non avremmo dovuto fare, perché ci siamo condannati, ma non porta a niente. La catastrofe era inevitabile, diciamo poi, e ci concediamo un periodo, anche se breve, di quiete. Poi ricominciamo da capo a porci domande e ci rodiamo e rodiamo fino a che siamo diventati di nuovo mezzo pazzi.


Pagina 39 — 8 december 2017
E poiché abbiamo la certezza di non fare altro che avvicinarci alla morte e poiché sappiamo ciò che questo significa, cerchiamo di metterci a disposizione tutti i possibili mezzi per evitare questa consapevolezza e così, se guardiamo bene, in questo mondo non vediamo altro che gente occupata perennemente e per tutta la vita con questa diversione.


Pagina 39 — 8 december 2017
poter esistere senza questa tormentosa certezza di essere inguaribilmente malato.


Pagina 54 — 8 december 2017
Per la donna asiatica è d'altronde naturale subordinarsi e sacrificarsi totalmente e nella maniera più illimitata all'uomo. Questo sacrificio garantisce un senso alla sua vita.


9 december 2017
Come se non sapessimo quanti milioni di talenti straordinari devono atrofizzarsi ogni giorno nel mondo, perché non sono stati raccolti né afferrati né sviluppati né infine portati alle vette più alte da nessuno!


9 december 2017
D'altra parte, come dal corso della mia vita so ormai senza ombra di dubbio, proprio i pensieri assurdi sono i pensieri più chiari e i più assurdi sono anche i più importanti.


9 december 2017
era sempre stata la musica a salvarmi dal sicuro declino o dall'annientameno


Pagina 59 — 9 december 2017
se non voglio correre il pericolo di fallire definitivamente in questi miei studi vitali, non dovrei trascurare i miei controstudi, musicali e filosofici e filosofico-musicali e viceversa


Pagina 60 — 9 december 2017
Come tutte le strade, è stata una strada umanamente possibile.


Pagina 60 — 9 december 2017
Un'esistenza come meccanismo sacrificale umanamente possibile, penso.


Pagina 61 — 9 december 2017
Una profonda rassegnazione, come quella che colpisce i falliti a un certo preciso momento e poi per tutto il tempo che ancora resta loro da vivere


Pagina 61 — 9 december 2017
Fino a quel momento, da nessun altro avevo sentito cose più orrende sulla vita e sul mondo, nessuno prima di lei aveva osato scatenarsi di fronte a me fino a quel punto in un tale autoannientamento


Pagina 61 — 9 december 2017
Lei non era riuscita a calmarsi e aveva continuato a dire che la sua vita era senza senso, che tutto nella sua vita si era sviluppato con piena coscienza in direzione di un'esistenza in fin dei conti priva di senso e priva di scopo.


Pagina 67 — 9 december 2017
Aveva avuto tutto, disse poi, sentito e visto tutto, le bastava. Non voleva sentire più niente da nessuno.


Pagina 67 — 9 december 2017
In tutto quello che Lei ha fatto nella Sua vita, che Lei definisce sempre tanto volentieri esistenza, Lei ha naturalmente fallito. Lei è una persona assurda.